Gli hacker sono sempre svegli, pronti a colpire

Gli hacker sono sempre svegli, pronti a colpire

Polizia di Stato: “Il tuo computer è stato bloccato, chiama subito questo numero”…

Gli hacker sono sempre svegli, pronti a colpire. Sembra che la cosa possa accadere agli altri e mai a noi. Sicuramente è quello che mi auguravo fino a qualche giorno fa. All’incirca la stessa ora di oggi mentre mi accingevo ad ultimare un mio contributo per la testata ed ecco che il mio schermo è incontrollabile ed inizia un sonoro di allarme ed il computer è bloccato!

 Le truffe di supporto tecnico sono un problema a livello di settore in cui i truffatori usano tattiche spaventose per indurre l’utente a eseguire servizi di supporto tecnico non necessari per risolvere presunti problemi di dispositivi o software inesistenti. Fenomeno conosciuto meglio col nome di “phishing”. Nella migliore ipotesi, i truffatori stanno tentando di spingere la vittima a pagare per “risolvere” un problema inesistente dei dispositivi o del software.

Ecco i pochi minuti di paura che possono esser catastrofici

Cadere nella trappola di una truffa online è fin troppo semplice, soprattutto quando i falsi avvisi applicano una notevole pressione psicologica sulle potenziali vittime. Ecco quanto è successo a me ma ho scoperto che è la minaccia odierna online, sul quale allerta la Polizia di Stato: “Security warning: Il tuo computer è stato bloccato. Errore #DW6VB36. Per favore chiamaci immediatamente al numero +39 0236017XXX. E sempre con questa sorta di tromba.

Gli hacker.Messaggio che appare sul monitor

Lampeggiano i messaggi ed il sonoro: “Non ignorare questo avviso critico. Se chiudi questa pagina, l’accesso del tuo computer sarà disattivato per impedire ulteriori danni alla nostra rete. Il tuo computer ci ha avvisato di essere stato infestato con virus e spyware. Sono state rubate le seguenti informazioni… Devi contattarci immediatamente in modo che i nostri ingegneri possano illustrarti il processo di rimozione per via telefonica. Per favore chiamaci entro i prossimi 5 minuti per impedire che il tuo computer venga disattivato. Chiama per ricevere supporto: +39 0236017XXX”. Immaginate i momenti di panico! Non fate nulla CHIAMATE E SEGNALATE SUBITO ALLA POLIZIA POSTALE.

Decido di chiamare e…perché?

La truffa è stata studiata molto bene. Perché il messaggio è come se venisse da Microsoft. Pertanto mi decido a fare il numero, di cui sopra ho riportato in parte. Vuoi pure per deformazione di conoscenza! E dall’altra parte una voce con cadenza dell’Est mi dice: – signora attenta adesso lasci fare a me un controllo, deve darmi il codice che le è apparso giù a sinistra” – ed io perché questo codice? – “devo controllare se sono entrati lei ha avuto già 11 avvisi da parte nostra che ha ignorato ed ecco perché si è bloccato il suo pc. Mi raccomando adesso mi dia subito codice se si rifiuta noi dobbiamo denunciarla alla polizia di stato e bla…bla.”

Intanto prendo tempo, ma mi accorgo che si muove la freccetta del mouse ma, io non lo stavo muovendo. Inizio a muoverlo e la vocina: “signora non deve fare nulla ha capito che è sotto attacco” gridando. Ed ecco che ritorno in me e disinserisco immediatamente la batteria dal pc.

Danni riscontrati?

Ovviamente dopo l’amputazione della batteria dal pc e seguita la corsa dal mio tecnico. Giunta in sede, da una prima diagnosi, la mia mossa, quanto meno è servita a contenere i danni con una spesa minima. Lo scopo di questi attacchi e il ricatto. Vieni derubato di tutto quanto si possa prendere e poi ti chiedono di pagare una somma per la restituzione del bottino digitale, ma ovvio che è la truffa nella truffa, chiaro questo.

Cosa fare quindi per non cadere nella trappola degli hacker?

Quando appare il messaggio, ignorarlo, e se proprio ci si fa prendere dall’ansia, fare una scansione antivirus per togliersi ogni dubbio. L’antivirus aggiornato peraltro dovrebbe sempre essere installato e aggiornato, al di là di questo fastidioso messaggio falso. Un altro consiglio, in caso di avvisi di presunte minacce, è quello di informarsi prima di fare qualsiasi cosa. E comunque di non telefonare mai a numeri di dubbia provenienza o fare clic su link a siti con un indirizzo che non si conosce.

Che dire non è una assolutamente una bella esperienza, anzi è una violazione della tua vita come qualsiasi altra forma di violenza. Ho deciso di raccontarla ai lettori ed ai colleghi di Risolutonews.it al fine di scongiurarvi un attacco hacker o almeno me lo auguro.

CATEGORIE
TAGS