Berlusconi dà inizio all’Operazione “scoiattolo”

Berlusconi dà inizio all’Operazione “scoiattolo”

Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, è pronto ed è tornato a Roma e dare il via a quella che lui stesso definisce l’Operazione scoiattolo. L’operazione consiste nell’andare a caccia di voti per la corsa al Quirinale. Nonostante il convinto sostegno del centrodestra, il Cavaliere sembra non avere i numeri per la presidenza della Repubblica. La sua tattica però consiste nel chiedere ad personam il voto di sostegno. Il Presidente Berlusconi ha iniziato chiedere uno ad uno ai membri del Parlamento di votare per lui alle elezioni della presidenza della Repubblica.

Berlusconi è convinto di poter arrivare a quota 505, ovvero quanto basta per salire al Colle. Ma il leader di Forza Italia non è certo di nulla, nemmeno di coloro che gli hanno assicurato il voto. Partendo proprio dai suoi alleati di coalizione, Salvini e Meloni. Quello su cui conta Berlusconi è uno scenario con poche alternative, soprattutto per le condizioni storiche che stiamo vivendo. Non ci sono nomi dall’altro lato e l’opzione Draghi porterebbe il governo a cadere in tempi non proprio propizi. Per questo ha dato vita all’operazione scoiattolo per diventare capo dello Stato. L’opzione migliore che molti voterebbero anche di comodo e non votare un personaggio uscito dal nulla, come alcuni parlamentari grillini.

Al momento ha circa 452 sostenitori, ovvero quelli del centrodestra ma Berlusconi si preoccupa dei franchi tiratori e dei traditori. Con il voto segreto non si può stare tranquilli. L’obiettivo sono proprio i parlamentari del Movimento 5 stelle che vivono da tempo una profonda crisi. La candidatura di Berlusconi non può più essere ignorata e sembra stia avanzando, con le sole forze e l’impegno dell’ex presidente.

CATEGORIE
TAGS